Hard-disk Diagnose

Home » linux » Hard-disk Diagnose
linux, windows Nessun commento

Per verificare lo stato di vita di un hard-disk esistono due modi:

  1. usare i software dei produttori dell’hard-disk
  2. usare un software di diagnostica di terze parti

Software dei produttori di hard-disk

Tutti i produttori di hard-disk (e.g. Maxtor, WDC, Hitachi, etc) rendono disponibili dei software di diagnostica tipicamente per MS-DOS da far partire prima del sistema operativo; il modo migliore è utilizzare un LiveCD come Hiren’s BootCD che li contiene già tutti.

Attualmente la versione disponibile è la 15.2, e troavate i software dei produttori sotto la voce Hard-disk tools:

  • Fujitsu HDD Diagnostic Tool 7.00
  • IBM Hitachi Drive Fitness Test 4.16
  • Maxtor PowerMax 4.23
  • Samsung Disk Diagnose (SHDIAG) 1.28
  • SeaTools for Dos (SEAGATE)
  • Toshiba Hard Disk Diagnostic 2.00b
  • Western Digital Diagnostics (DLGDIAG) 5.19

Nella maggior parte dei casi i software diagnostici offrono due tipi di test, breve e approfondito; solo il secondo ha un valore effettivo di riscontro poichè si tratta di una lettura di tutti i settori del disco. Tipicamente la durata, in base alla capacità dell’hard-disk, può variare tra 1 o 2 ore.

Software di diagnostica di terze parti

per windows

In windows ci sono vari software che consentono di effettuare dei test, tra i più diffusi ci sono i seguenti tre:

HD Tune

hd-tune-12
HDTune_Health

è un software per l’analisi di hard-disk e SSD con molteplici funzioni. Può effettuare dei test riguardo le performance, scansione degli errori, verifica della vita del disco (S.M.A.R.T.), eliminazione sicura del disco e molto altro.

CrystalDiskInfo

MainMini
Graph

è un software per HDD e SSD; supporta anche dischi USB e controller RAID Intel.

SSDlife

SSDlife1
SSDlife2
è un software pensato specificatamente per l’analisi degli hard-disk SSD, fornendo informazioni, statistiche e analisi sulla vita del disco; supporta praticamente tutti gli SSD attualmente in commercio compresi quelli presenti sull’Apple MacBook Air!

per linux – utilizzo di smartctl

Questo metodo si avvale dell’analisi di una tecnologia abbastanza recente introdotta sugli hard-disk denominata S.M.A.R.T., tecnologia che deve essere abilitata sul bios e sul disco.

Per prima cosa installiamo smartcl parte del pacchetto smartmoontool

e ora verifichiamo che la funzionalità SMART sia attiva sul disco:

se la funzionalità SMART sul dispositivo è disabilitata, dobbiamo abilitarla usando l’attributo -s seguito dall’opzione on

ora possiamo effettuare il test breve del disco tramite il seguente comando: